Le priorità del Comune per la sicurezza stradale

Gli esempi di dissesto di strade e marciapiedi per la carente manutenzione da parte del Comune potrebbero riempire un intero giornale. Ci limitereremo, quindi, al tema della segnaletica orizzontale, collegandoci alla protesta dei cittadini di Rivalta per la realizzazione di isole spartitraffico in corrispondenza degli attraversamenti pedonali. Il Comune ha replicato giustificando tale scelta, anche se discutibile, con la sicurezza dei pedoni.
All’inizio di maggio, in via Emilia Ospizio, il Comune ha eseguito un intervento di asfaltatura di un tratto di una corsia di marcia, dimenticandosi però di ritinteggiare le strisce orizzontali di ben quattro attraversamenti pedonali. Pare che l’intervento sia stato “calendarizzato”. Ma, a distanza di due mesi, i pedoni, alle prese con attraversamenti disegnati solo sulla metà del percorso, corrono ancora seri pericoli. Eppure il Codice della Strada prescrive che “I segnali orizzontali devono essere mantenuti sempre efficienti: in caso di rifacimento della pavimentazione stradale, devono essere ripristinati nei tempi tecnici strettamente necessari. La mancanza dei segnali orizzontali, in caso di riapertura al traffico deve essere opportunamente segnalata con il prescritto segnale verticale”.
Troppi interventi della medesima urgenza, poche risorse finanziarie che potrebbero spiegare i tempi tecnici piuttosto lunghi? Nulla di tutto ciò, dal momento che la priorità è stata data al rifacimento di strisce blu ancora in buono stato, denotando una priorità per l’incasso e non certo per la sicurezza dei cittadini.
Uno spiraglio di luce sul rispetto delle norme del Codice della Strada è arrivato alla fine di maggio quando il Comune si è accorto che uno stallo blu era troppo vicino ad un incrocio, quindi, non conforme alle norme, e lo ha cancellato. Attoniti i cittadini per un tale gesto di ravvedimento seguito però dalla domanda “e i tanti altri che presentano la stessa caratteristica?”
Che dire poi della linea continua di mezzeria che separa le corsie di marcia di via Turri poco prima della stazione ferroviaria, eseguita all’inizio dell’anno? Pur di mantenere gli stalli blu sul lato opposto della carreggiata, la linea si interrompe per poi riprendere, dopo parecchi metri, completamente sfasata disattendendo lo scopo di incanalare i veicoli, ma con il risultato certo di disorientarli.

Pubblicato su Prima Pagina

Uno dei 4 attraversamenti pedonali in via Emilia Ospizio

Uno dei 4 attraversamenti pedonali in via Emilia Ospizio

Rifacimento delle strisce blu in via Viani

Rifacimento delle strisce blu in via Viani

Interruzione con sfasamento della linea di mezzeria in via Turri

Interruzione con sfasamento della linea di mezzeria in via Turri

Stallo blu cancellato in via Viani

Stallo blu cancellato in via Viani

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: